Contatti :




Link :







28/03/2013 - Angelo Della Morte In Brasile, Si Sospettano Centinaia Di Vittime

 Inserisci qui il tuo indirizzo
E-Mail
per essere sempre aggiornato sui nuovi contenuti dalla nostra newsletter






La dottoressa Virginia Helena Soares de Souza, cinquantasei anni, è stata arrestat lo scorso diciannove febbraio, insieme ad alcuni componenti della sua equipe, nello stato di Paranà, in Brasile, con l' accusa di aver ucciso almeno sette pazienti. Ma il numero delle vittime è putroppo destinato a crescere.
 
Il movente sembrerebbe la volontà da parte della dottoressa/killer di liberare posti letto nel reparto di terapia intensiva dell' ospedale evangelico di Curitiba, dove vi lavorava come anestesista dal 2005.

La donna provocava la morte dei pazienti iniettando loro, insieme ad altri farmaci, del pancuronio; un miorilassante che può provocare shock anafilattico, insufficienza renale e insufficienza epatica. Oltre a questo, l' assassina, ricudeva anche ai pazienti l' erogazione di ossigeno, provocando loro asfissia.

Secondo un' ispettore inviato dal mninistero della alute, col compito di indagare sui pazienti transitati per il reparto della Soares de Souza, le vittime potrebbero essere addirittura trecento. Attualmente afferma
:

"Il numero potrebbe aumentare, abbiamo già identificato 20 casi similari e dobbiamo analizzarne altri 300"

Un infermiere dice di lei:

"Lei si sentiva Dio. Faceva quello che voleva e anche altri tre medici agivano come lei".

Gli ispettori del ministero dichiarano che passeranno in rassegna i quasi due mila casi di morte avvenuti dal 2005 fino all' arresto della donna.

Adesso il tribunale sta valutando la possibilità di lasciarla libera o meno in attesa del processo, attendiamo ulteriori accertamenti.






E' davvero un' impresa capire quante vittime ha effettivamente mietuto un serial killer, compito ancor più arduo quando si tratta di accertare le vittime di un angelo della morte in ambiente sanitario, la tipologia di assassino seriale più duratura e prolifica di tutte.
C' è anche da aggiungere il fatto che non tutti i farmaci restano in corpo così a lungo da consentire un riscontro col modus operandi del killer, ed ancora il fatto che si dovrebbe attuare una vera e propria riesumazione di cadaveri in massa!