Contatti :




Link :







30/01/2012 - Sacrifici Umani In Nigeria, Fermati Due Stregoni

 Inserisci qui il tuo indirizzo
E-Mail
per essere sempre aggiornato sui nuovi contenuti dalla nostra newsletter






Posso immaginare cosa starete pensando adesso: sacrifici umani? Nel 2012? Eppure, ad oggi, in molte zone del pianeta, in via di sviluppo e non, avvengono efferati omicidi, susseguiti da mutilazioni di vario tipo, allo scopo di realizzar rituali per ingraziarsi gli Dei.

Stavolta, a farne le spese, è stata una povera bambina di appena quattro mesi.

La sua testa mozzata è stata trovata dentro un sacchetto di plastica insieme ad alcuni pomodori in possesso dei due stregoni Tanko Haruna e Mohammed Yusuf.

I due sono stati fermati dalle autorità di dalle autorità di Erena, nello stato di Niger, in Nigeria, mentre erano in fuga verso un' imprecisata località, dove, con ogni probabilità, avrebbero compiuto il rito utilizzando il macabro feticcio.

I due sedicenti stregoni, hanno ammesso le loro colpe, confessando di far parte di una gang di persone che uccide per procurarsi i feticci necessari per compiere i suddetti riti allo scopo di ingraziarsi gli Dei.

Le autorità hanno reso noto che le indgini proseguiranno.

Gli omicidi rituali seriali sono ancora oggi molto frequenti nel nord dell' Africa e in alcune zone del Sudamerica. E' difficile pensare che al giorno d' oggi esista ancora una pratica così barbara e insensata, eppure questa piaga è ancora ben radicata all' interno di alcune comunità, tanto che, spesso, le autorità accettano come attenuante: "compulsione provocata da forze psichiche irresistibili". Talmente è vasta questa usanza che esiste più di una classificazione di omicidio rituale seriale, con ognuna una sua motivazione e un suo/suoi artefice/ci. Poi, ad ogni mutilazione, corrisponde un suo utilizzo, per esempio il caso sopra descritto, dove viene ritrovata una testa, può indicare che potesse servire il teschio in un rito per proteggere una tribù. A chi desidera approfondire questo argomento consiglio il libro di Ruben De Luca e Vincenzo Mastronardi: I serial killer, dove vi è un paragrafo che tratta dell' argomento.