Contatti :




Link :







31/05/2012 - Pornoattore Gay Gira Snuff Movie E Spedisce Pezzi Di Cadavere Ai Partiti

 Inserisci qui il tuo indirizzo
E-Mail
per essere sempre aggiornato sui nuovi contenuti dalla nostra newsletter






L' Attore di film hard canadese Luka Rocco Magnotta è ricercato in tutto il Nord America perchè sospettato di aver ucciso barbaramente un uomo, girando uno snuff movie, e di averne spedito dei pezzi al conservatore e al partito liberale, a Ottawa.
Tutto ha inizio martedì con il macabro ritrovamento di un torso umano dentro una valigia gettata nel retro di un edificio nel quartiere di Cote-des-Neiges (a pochi metri dalla casa del killer), a Montreal (Canada). Da qui sono partite le indagini che hanno individuato Luka Rocco Magnotta, attore pornografico di film gay, come sospettato.

Conosciuto anche come Eric Clinton Newman e Vladimir Romanov, Magnotta avrebbe adescato la vittima, per ora si sa soltnto che si tratta di un asiatico di circa venticinque anni, portata nella sua abitazione per poi ucciderla davanti ad una videocamera e postare il video, a cui darà il titolo '1 Lunatic 1 Ice Pick', sul sito Best Gore (adesso rimosso).

Nel filmato si vede: un uomo nudo legato alla spalliera del letto  mentre viene aggredito con un scalpellino da ghiaccio e un coltello da cucina. Il ragazzo viene accoltellato, poi gli viene tagliata la gola ed infine viene decapitato e smembrato.
Alla fine del video si vede un giovane con una giacca viola con il cappuccio, mentre si china sul cadavere con uno scalpellino da ghiaccio. Anche se parzialmente oscurato però si notano la pelle chiara e i capelli scuri dell' assassino e un poster del film 'Casablanca' sulla parete.

Il video è stato postato il 25 maggio scorso, ma è ancora da chiarire quando e dove sia stato girato.

Dopo aver fatto a pezzi il cadavere ,il killer ha impacchettato il piede e lo ha spedito alla sede del partito conservatore a Ottawa. Un altro pacco invece contenente una mano è stato inviato al partito liberale, sempre a Ottawa, ma è stato intercettato dalle forze dell'ordine in un deposito postale.

Gli episodi sadici nella vita del ventinovenne attore pornografico di Toronto non sono solo questi. Infatti Magnotta era già noto per aver postato in rete un video dove soffocava dei gattini con un' aspirapolvere. A questo si aggiungono anche dei precedenti per truffa.

Una diceria che gir sul suo conto è che nel 1995 sia stato legato, anche egli stesso ha sempre negato, a Karla Homolka, nota serial killer (da tempo in libertà) che insieme al marito
Paul Bernardo ha violentato e ucciso tre adolescenti biografia, documentario).
 
Di lui, però, ancora nessuna traccia. Durante la perquisizione della sua abitazione è stato trovato una manuale che illustra come sparire senza lasciare tracce di se.

Le ricerche continuano.

Sembrerebbe l' escaletion di uno psicopatico sadico, a confermare ciò ci sono: i precedenti per truffe, le violenze sugli animali, il suo lavoro di attore pornografico (in cui magari li meditava di passare ad un livello più alto di sadicità verso gli uomini) ed infime l' aggressione ad un uomo con tanto di video esibizionista ad immortalare le sue fantasie.
Aggiornamento:

04/06/2012 - Arrestato LuKa Rocco Magnotta, Pornoattore Gay Accusato Di Omicidio
E' durata pochi giorni la latitanza dell' attore porno gay Luka Rocco Magnotta, arrestato oggi a Berlino e accusato del brutale omicidio, commesso il ventisei maggio,  del suo compagno in Canada .
E' stato grazie alla segnalazione di un civile che si è potuto arrivare, in così breve tempo, alla cattura di Luka Rocco Magnotta, accusato di aver ucciso a Montral (Canada) il su compagno, il trentatrenne cinese  Lin Jun.

L’arresto è avvenuto in un internet cafè del quartiere Neukoelln a Berlino, e attualmente il catturato si trova in carcere, accusato di omicidio premeditato e oltraggio di cadavere, in attesa di essere interrogato.

Durante la latitanza di Magnotta sono venuti alla luce dei nuovi particolari macabri sul suo passato. Nei mesi scorsi, il quotidiano inglese Sun lo aveva attaccato per dei video, diffusi sul web dallo stesso Magnotta, in cui il killer torturava dei gattini dandoli poi in pasto ad un pitone.

Alle accuse del Sun Magnotta rispose con questa missiva:

"Dopo aver ucciso ed assaggiato il sangue è impossibile fermarsi. Tornerò e questa volta le vittime non saranno animali."

E così purtroppo fece.

L' identikit diffuso dalle autorità