Contatti :




Link :








Scene Organizzate  & Scene Disorganizzate :

" Fra il 1979 e il 1983 viene avbviata e condotta una ricerca scientifica fondamentale sulla serialità omicida . Con un approccio pragmatico tipicamente statunitense Ann Burgess , John Douglas e Robert Ressler decidono di comprendere le caratteristiche del serial killer e delsuo comportamento
omicida , conducendo un ' intervista su trentasei soggetti , ospiti dei penitenziari americani . Di ogni caso vengono studiati i rapporti di polizia , le foto delle scene del crimine , le testimonianze , i referti autoptici . Tutti gli assassini hanno ucciso spinti da una sessualità perversa , lasciandosi alle spalle un totale di 118 vittime . I risultati del lavoro vengono presentati nel 1992 , in un testo chiamato Sexual Homicide : Patters & Motives , dove grande spazio viene riservato alla proposta , già illustrata in un numero speciale dell ' << FBI Law Enforcement Bullettin >> del 1985 , di suddividere i serial killer in organizzati e disorganizzati , assassini capaci di comportamenti traducibili in scene del crimine a loro volta organizzate e disorganizzate . "






" Nel 1985 James De Burger e Ronald Holmes pubblicano sulla rivista << Federal Probation >> un interessnte contributo , dal titolo Profiles in Terror : the Serial Murderer . Sulla base del movente , del modus operandi , della scelta della vittima , delle attività compiute sul cadavere , giungono a definire una classificazione che , qualche anno dopo viene ripresa e ulteriormente sostenuta da Ronald e Stephen Holmes ( 1996 ) . Gli autori si mostrano fortemente critici verso l ' impostazione dell ' FBI , e non considerano il lavoro svolto a Quantico dotato delle indispensabili premesse di scientificità e rigore metodologico che una ricerca sul crimine e sui criminali dovrebbe possedere . Holmes & Holmes si muovono , nella loro attività di studio , sulla base della convinzione che i serial killer possiedano un retroterra comportamentale comune e momenti condivisi rintracciabili :

- la genesi dell ' omicidio seriale va quasi sempre rintracciata nella psicologia dell ' assassino ;
- le motivazioni dell ' omicidio , anche se possono apparire insensate per l ' investigatore , possiedono una loro logica per il serial killer ;
- il guadagno che l ' omicida ottiene dall ' uccidere e che lo induce a commettere nuovi delitti è pressochè sempre di natura psicologia ;

A coronamente della loro ricerca , gli autori propongono una classificazione che distingue i serial killer nei quali l ' interesse primario è il comportamento sono centrati sull ' atto , nel quale la morte della vittima avviene con rapidità , dagli assassini focalizzati sul processo , dove la vittima viene mantenuta più a lungo in vita . Alla prima categoria appartengono i killer allucinati e i missionari , nella seconda rientrano gli edonisti e gli autori di omicidi seriali orientati al controllo e al dominio della vittima . "

 Inserisci qui il tuo indirizzo
E-Mail
per essere sempre aggiornato sui nuovi contenuti dalla nostra newsletter






( tratto da :
SERIAL KILLER
STORIE DI OSSESSIONE OMICIDA
di
Massimo Picozzi e Carlo Lucarelli )


Scene Organizzate  :

Questa classsificazione tra organizzati e disorganizzati viene applicata non solo nei casi di omicidi seriali , ma anche in altri crimini violenti , per esempio anche un singolo omicidi particolarmente efferato , casi di stupro e di incendi dolosi . Ciò nonostante il suo campo principale di applicazione è l ' omicio , sopratutto se seriale .
L ' esempio che si sposa perfettamente nella categoria organizzati è quello di Dennis Rader , conosciuto anche con lo pseudonimo B.T.K. acronimo del suo modus operandi bind, torture and kill ( lega tortura e uccidi ) , che a cominciare dal lontano 1974 ha diffuso il terrore che durò per più di trant ' anni . Questo soggetto è riuscito a mantenere un ' immagine di facciata solida per più di trant ' anni , ricoprendo ruoli importanti nella piccoola comunità di Park City dove risiedeva e lavorarva come ispettore comunale , era anche un capo scout , capo del gruppo di fedeli della sua parrocchia , padre affettuoso di due figlie e marito premuroso . Non si conosce ancora molto di lui ( una vera e propria biografia non l ' ho ancora trovata ) , ma B.T.K. era un sadico sessuale , ossessionato dalla pratica del bondage , nella quale si esercitava da ragzzo su cani e gatti che appendeva in cantina , per poi provarla su se stesso . Le vittime accertate di Rader sono 10 , inizia la sua serie di omicidi nel '74 e la conclude nel '91 , ma ha anche detto che aveva già deciso di colpire altre vole e che aveva fissato già la data nel calendario . Durante qesti trent ' anni inviò parecchie lettere alle forze dell ' ordine in segno di sfida , ma dando anche delle indicazioni su come catturarlo .



Dennis Rader aveva il pieno controllo di tutte le scene del crimien che lo riguardano , qeste sono le immagini del suo primo delitto , in cui uccise quattro membri della famiglia Otero in una sola occasione . Possiamo notare come avesse il pieno controllo sulle sue vittime grazie al fatto che le legasse e , da lì proseguì col torturare e poi all ' uccidere mediante strangolamento . Sulla scena vennero rinvenute tracce di sperma ad indicare comunque un movente edonista .




Il 17 Marzo 1977 Rader torna in azione per la terza volta uccidendo Shirley Vian , inutile dire che alla povea donna toccò la stessa sorte di tutte le sue vittime , tuttavia il killer risparmiò i figli della donna di 8 , 6 e 4 anni , che furono chiusi in bagno da Rader che li lasciò così in vita .

 


Stesso trattamento riservato a Fox Nancy l ' 8 dicembre dello stesso anno .



Wegerle Vicki è la penultima vittima del serial killer B.T.K. Il modus operandi dell offender organizzato è sempre lo steso , taglia il cavo del telefono e si introduce in casa per mettere in attola sua perversione .
Il 16 febbraio 2005 il killer spedisce un pacco alla sede della FOX di Wichita contenente : una copertina di un romanzo , un medaglione color oro e un floppy disk . Proprio in questo floppy gli inquirenti trovano i metadati di un file di word che si trovava sul disco e che era stato eliminato . Il file si chiamava " Christ Lutheran Church " , e il documento riportava la nota come ultima modifica da " DENNIS " , successivamente con una ricerca sul sito web della chiesa si venne a sapere che Rader era il presidente del consiglio della congregaione . La polizia quindi iniziò la stretta sorveglianza sul killer , poco dopo ottennero un mandato per le cartelle cliniche della figlia e , con un campione del suo tessuto si riuscì attraverso il test del DNA a trovare un riscontro di parentela con le tracce biologiche trovate sulle scene del crimine di B.T.K. , Dnnis Rader venne quindi arrestato il 25 febbraio 2005 nei pressi di casa sua . Successivamente Rader disse che voleva riapparire già nel 2004 a causa di un libro scritto su di lui e di voler essere lui a raccontare la sua storia , annoiato , con molto tempo a disposizione e con i figli già grandi a Dennis Rader alias B.T.K. non importava molto il fatto di essere accusato di essere il crudele serial killer che tutti cercavano anzi.
Analizzando il caso B.T.K. quindi possiamo notare come il profilo dell ' offender organizzato e le caratteristiche della relativa scena del crimine si adattino perfettamente alla sua persona .