Contatti :




Link :








Scene Organizzate  & Scene Disorganizzate :

" Fra il 1979 e il 1983 viene avbviata e condotta una ricerca scientifica fondamentale sulla serialità omicida . Con un approccio pragmatico tipicamente statunitense Ann Burgess , John Douglas e Robert Ressler decidono di comprendere le caratteristiche del serial killer e delsuo comportamento
omicida , conducendo un ' intervista su trentasei soggetti , ospiti dei penitenziari americani . Di ogni caso vengono studiati i rapporti di polizia , le foto delle scene del crimine , le testimonianze , i referti autoptici . Tutti gli assassini hanno ucciso spinti da una sessualità perversa , lasciandosi alle spalle un totale di 118 vittime . I risultati del lavoro vengono presentati nel 1992 , in un testo chiamato Sexual Homicide : Patters & Motives , dove grande spazio viene riservato alla proposta , già illustrata in un numero speciale dell ' << FBI Law Enforcement Bullettin >> del 1985 , di suddividere i serial killer in organizzati e disorganizzati , assassini capaci di comportamenti traducibili in scene del crimine a loro volta organizzate e disorganizzate . "







" Nel 1985 James De Burger e Ronald Holmes pubblicano sulla rivista << Federal Probation >> un interessnte contributo , dal titolo Profiles in Terror : the Serial Murderer . Sulla base del movente , del modus operandi , della scelta della vittima , delle attività compiute sul cadavere , giungono a definire una classificazione che , qualche anno dopo viene ripresa e ulteriormente sostenuta da Ronald e Stephen Holmes ( 1996 ) . Gli autori si mostrano fortemente critici verso l ' impostazione dell ' FBI , e non considerano il lavoro svolto a Quantico dotato delle indispensabili premesse di scientificità e rigore metodologico che una ricerca sul crimine e sui criminali dovrebbe possedere . Holmes & Holmes si muovono , nella loro attività di studio , sulla base della convinzione che i serial killer possiedano un retroterra comportamentale comune e momenti condivisi rintracciabili :

- la genesi dell ' omicidio seriale va quasi sempre rintracciata nella psicologia dell ' assassino ;
- le motivazioni dell ' omicidio , anche se possono apparire insensate per l ' investigatore , possiedono una loro logica per il serial killer ;
- il guadagno che l ' omicida ottiene dall ' uccidere e che lo induce a commettere nuovi delitti è pressochè sempre di natura psicologia ;

A coronamente della loro ricerca , gli autori propongono una classificazione che distingue i serial killer nei quali l ' interesse primario è il comportamento sono centrati sull ' atto , nel quale la morte della vittima avviene con rapidità , dagli assassini focalizzati sul processo , dove la vittima viene mantenuta più a lungo in vita . Alla prima categoria appartengono i killer allucinati e i missionari , nella seconda rientrano gli edonisti e gli autori di omicidi seriali orientati al controllo e al dominio della vittima . "

 Inserisci qui il tuo indirizzo
E-Mail
per essere sempre aggiornato sui nuovi contenuti dalla nostra newsletter






( tratto da :
SERIAL KILLER
STORIE DI OSSESSIONE OMICIDA
di
Massimo Picozzi e Carlo Lucarelli )


Scene Disorganizzate  :

Questa classsificazione tra organizzati e disorganizzati viene applicata non solo nei casi di omicidi seriali , ma anche in altri crimini violenti , per esempio anche un singolo omicidi particolarmente efferato , casi di stupro e di incendi dolosi . Ciò nonostante il suo campo principale di applicazione è l ' omicio , sopratutto se seriale .
Il caso che vado a proporvi è quello del vampiro di Sacramento alias Richard Trenton Chase serial killer allucinato . Per ci non lo conoscesse può colmare questa lacuna con la biografia che si trova sul sito ( qui ) . Chase è uno schizzofrenico affetto dalla sindrome di renfield ; una sindrome molto rara , che consiste nell ' essere ossessionati dal sangue fino al punto di berlo , di solito la sindrome compie tre passaggio cioe : il soggetto taglia le sue stesse braccia per berne il sangue , successivamente si concentra sugli animali che uccide per il medesimo scopo , per poi concludere la sua escaletion prendendo di mira le persone sfociando a volte anche in atti di cannibalismo .



Infatti in questa immagine notiamo il frullatore che utilizzava Chase per tritare le viscere degli animali che catturava o comprava , per poi berne il risultato .




Andiamo adesso ad analizzare uno dei sei omicidi compiuti da Richard Quello di Teresa Wellin incinta di 3 mesi .
Il 23 Gennaio 1977 Chase si aggira per le strade intrufolandosi in varie abitazioni , fino a quando entrando al 2360 di Tioga Way , entrando in cucina trova Teresa Wellin intenta a buttarela spazzatura . In tutta risposta Chase esplode tre colpi di pistola , uno oltrepasse la mano di Teresa e le esce dal gomito graffiandole il collo , il secondo le ferisce di striscio il cranio , mentre il terzo diretto alla tempia la uccide . Chase portandosi dietro dalla cucina un coltello e un barattolo di yogurt preso dalla spazzatura , trascina il cadavere in camera da letto e , ciò che ne consegue è questo :


 Il killer le tira su la maglia fino a scoprirne il seno e le abbassa i pantaloni fino alle caviglie allargandole le gambe , a primo impatto sembra un omicidio a sfondo sessuale , ma non è così . Il suo petto è aperto e le sue interiora sono state rimosse , Chase l ' ha pugnalata più volte ad un polmone al fegato e al diaframma lasciando intatto il seno , gli sono stati estratti i reni , ma in u secondo momento gli furono poi reinseriti , mentre la bocca della povera donna è piena di feci . Dopo aver sgozzato la donna Chase cominciò a bere il suo sangue , usando il barattolo di yogurt .



Sul pavimento pieno di sangue furono trovati degli anelli appartenenti ad un secchio o ad un recipiente , che il killer usò per raccogliere le interiora della povera Tresa .


Possiamo notare quindi , che già da questo suo primi delitto , Richard Trenton Chase poteva essere perfettamente collocato tra gli offender disorganizzati , questo sia grazie alla sua storia e comportamento personale , che possiamo apprendere dalla sua biografia che potete trovare qui , ma sopratutto grazie alle caratteristiche della scena del crimine che si lasciò dietro , dopo aver massacrato la povera Teresa Wellin di 22 incinta di tre mesi .